.
Annunci online

internograzie
Per chi pensa che il nero e l'azzurro, insieme, stonino.

SPORT
21 febbraio 2008
Lo Scudetto degli Onesti
Ecco cosa accadde lo scorso luglio

 

Le due società milanesi coinvolte in una contestazione giudiziaria

Inter e Milan, l’accusa è di falso in bilancio

Per i nerazzurri iscrizione irregolare alla stagione 2005-06: ma si va verso la prescrizione

 

MILANO — È una crudele beffa del destino quella che, proprio mentre Inter e Milan litigano per il centravanti Suazo, perfidamente li accomuna invece in una contestazione giudiziaria che addebita loro d’aver cinguettato per la cosmesi dei rispettivi bilanci societari, attraverso la cipria di plusvalenze virtuali maturate sulle compravendite incrociate di giocatori ipervalutati (talvolta perfino a insaputa degli atleti). Un maquillage che, nel caso dell’Inter, avrebbe anche alterato i parametri formali prospettati alla Covisoc (organo di vigilanza della Federcalcio) per ottenere la regolare iscrizione al campionato di calcio 2005-2006, quello assegnato a tavolino all’Inter.

Le controperizie proposte in aprile e maggio da Inter e Milan, infatti, non hanno mutato il convincimento del pm milanese Carlo Nocerino sulla scorta del suo consulente, l’ex responsabile dell’auditing dell’Agenzia delle Entrate, Luigi Magistro. E così ieri la Procura ha notificato l’«avviso di conclusione delle indagini e di deposito degli atti» per l’amministratore delegato del Milan, Adriano Galliani, e sul fronte opposto per il presidente dell’Inter Massimo Moratti, oltre che per gli ex amministratori delegati nerazzurri Rinaldo Ghelfi e Mauro Gambaro.

L’ipotesi di reato è, per Galliani, falso nei bilanci chiusi al 30 giugno 2003, 31 dicembre 2003 e 31 dicembre 2004 (approvato il 28 aprile 2005); mentre per Moratti è falso nei bilanci 30 giugno 2003 e 30 giugno 2004 (approvato il 29 ottobre 2004). Pressoché inesistenti i rischi penali, vista la prescrizione breve del falso in bilancio. E anche la società a livello di giustizia sportiva non ha granché da temere, essendo ancora più breve la prescrizione per il club (al più, ma del tutto in teoria, potrebbero incorrere in qualche sanzione i dirigenti della società). In ogni caso è esclusa la revoca d e l l o scudetto 2005/2006.

Galliani e Moratti sono dunque accusati dal pm Nocerino di aver «esposto nei bilanci fatti non rispondenti al vero su attività e passività, allo scopo di evitare di evidenziare perdite che avrebbero comportato l’obbligo di ripianarle e/o di ridurre il capitale sociale entro il successivo esercizio ». Come? Attestando almeno 18 compravendite di giocatori «fittizie nella determinazione del prezzo di cessione e/o acquisto, in quanto artatamente incrociate, a "tavolino", spesso con apposizione di firme apocrife di sottoscrizione degli stessi calciatori oggetto dei contratti». Giocatori dal «valore massimo stimato» ad esempio di 159mila euro, e tuttavia scambiati per «2 milioni di euro»; altri «stimati 292mila euro» ma compravenduti «per 3,5 milioni di euro».

Con quali risultati? Secondo l’accusa, il Milan nel bilancio 30 giugno 2003 avrebbe esposto 19 milioni di euro di minori perdite; 17,2 milioni nel bilancio 31 dicembre 2003; 13 milioni nel bilancio 31 dicembre 2004. L’Inter — alla quale è contestata anche «la compravendita incrociata, realizzata con la Lazio, dei diritti relativi ai calciatori Crespo e Corradi», e «la svalutazione eccessiva dei diritti di Crespo eMorfeo»—si vede invece ipotizzare perdite latenti per 22,3 milioni nel bilancio 30 giugno 2003, e 32,4 milioni nel bilancio 30 giugno 2004. Il che, «pari al 104% del patrimonio netto risultante dal bilancio», per il pm «ha indotto l’organo di vigilanza Covisoc a chiedere un ripianamento patrimoniale inferiore a quello dovuto ».

Luigi Ferrarella
Giuseppe Guastella

21 giugno 2007

Ma se a qualcuno fossero mai sorti dei dubbi su come sarebbe finita...


 

Falso in bilancio:
prosciolti Inter e Milan

Niente processo penale per le plusvalenze relative al biennio 2003/2004: secondo il gup di Milano "il fatto non costituisce più reato". Cadono le accuse anche per Galliani, vicepresidente e a.d. rossonero, Ghelfi, vicepresidente nerazzurro, e Gambaro, ex dirigente del club di via Durini

MILANO, 31 gennaio 2008 - Il Giudice dell'udienza preliminare di Milano, Paola Di Lorenzo, ha prosciolto Adriano Galliani, vicepresidente vicario e amministratore delegato del Milan, Rinaldo Ghelfi, vicepresidente dell'Inter, e Mauro Gambaro, ex dirigente nerazzurro, accusati dalla Procura di Milano di falso in bilancio. Il giudice ha anche prosciolto le due società, accusate in base alla legge sulla responsabilità amministrativa.

L'inchiesta, condotta dal pm Carlo Nocerino, riguardava i presunti falsi in bilancio relativi agli anni 2003-2004 e l'accusa era quella di aver violato in quel biennio, con le cosiddette plusvalenze, la legge 231 sui bilanci. Il pm Carlo Nocerino aveva chiesto per questo il rinvio a giudizio per i dirigenti e i due club, stralciando invece, fin dalle prime battute, la posizione del presidente dell'Inter, Massimo Moratti.

La formula con cui questa mattina Galliani, Ghelfi e Gambaro sono stati prosciolti è "perché il fatto non costituisce reato" e non, come si era saputo in un primo momento, perché il fatto non sussiste. Questo in base alla nuova legge sul falso in bilancio, che prevede il dolo specifico, dolo che in questo caso non è stato riscontrato. Infatti nel suo provvedimento il gup "dichiara non luogo a procedere nei confronti degli imputati, in relazione a tutte le imputazioni a loro ascritte, perché il fatto non costituisce reato". Inoltre il giudice ha dichiarato il "non luogo a procedere" nei confronti delle società rossonera e nerazzurra, imputate in base alle legge 231, "in relazione alle imputazioni concernenti il bilancio al 30/6/2003 perché l'azione penale non poteva essere esercitata per essere il reato presupposto anteriormente prescritto". Il "non luogo a procedere" per Milan e Inter riguarda anche le "imputazioni concernenti i bilanci al 31/1/2003 e al 31/12/2004 perché il fatto non costituisce reato".

gasport


Che non vuol dire che non l'hanno fatto, ma che, non costituendo più il falso in bilancio un reato perseguibile penalmente, non c'è più possibilità di procedere...
Ah quale specchiata onestà nello sguardo limpido del galante Moratti.




permalink | inviato da Aperouge il 21/2/2008 alle 11:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SPORT
14 febbraio 2008
Perchè Fogga non venne schierato contro l'Inter ?
 

Il Cagliari scarica Foggia

Il giocatore non è stato convocato per l'Inter. La società: "Ha due giorni di riposo", ma c'è da scommettere che a gennaio farà le valigie. A pesare è il caso Marchini, che lo ha accusato di una spedizione punitiva a suo danno

Pasquale Foggia, 24 anni, prima stagione a Cagliari. Reuters
CAGLIARI, 15 dicembre 2007 - In autunno cadono le foglie. In inverno, a Cagliari, cadono le teste. Prima quella di Fortin, messo in disparte con la scusa di un problema alla spalla, a coprire una scelta tecnica che porterà alla sua partenza a gennaio. Oggi quella di Pasquale Foggia, fiore all'occhiello del mercato estivo, non convocato per la sfida all'Inter.
CASO MARCHINI - Una partenza a razzo, 4 gol (tutti su rigore), le attenzioni dei grandi club (Liverpool in testa) e la Nazionale. Ma raggiunta la cima, ecco la grande caduta. Il fattaccio con Marchini, che lo accusa di una spedizione punitiva fatta a suo danno da un amico del compagno di squadra. Una vicenda ancora avvolta nel mistero. Foggia prima condannato dallo spogliatoio (fuori dalla trasferta a Bergamo), poi recuperato nel gruppo. Fino a domenica. A Empoli un primo tempo da fantasma, la decisione di dargli dei giorni di riposo, le smentite dell'agente. Foggia si presenta regolarmente a Cagliari, ma Sonetti lo tiene fuori per la gara di Coppa. Il fantasista si allena regolarmente, niente fa presagire la sorpresa. Che invece arriva puntuale.
ADDIO - Nella lista dei convocati per la gara di domani con l'Inter Foggia non c'è. Si prova a far breccia con Sonetti, che alza un catenaccio da far invidia a Rocco e Trapattoni. "Foggia non c'è per una decisione della società. Ha due giorni di riposo e tornerà ad allenarsi martedì". Inutile insistere, il tecnico ripete come fosse un disco. Scelta della società. Scelta di Cellino, che è la società. Martedì il giocatore tornerà ad allenarsi, ma c'è da scommettere che a Empoli Foggia abbia vestito la maglia rossoblù per l'ultima volta. A gennaio farà le valigie e sulle spalle avrà altri colori. Non quelli del Cagliari che in lui sperava di aver trovato il nuovo Zola. Era solo un sogno di mezza estate. Foggia e il Cagliari sono ormai separati in casa. Per una storia squallida che deve essere ancora scritta per intero.
cl. ma.

Così la Gazzetta dello Sport a dicembre, prima della gara con l'Inter, ma....


Cagliari Salerno 'Foggia? Mai stato in discussione'

 
18:00 del 13 febbraio
 

Il direttore sportivo del Cagliari, Nicola Salerno, è intervenuto alla trasmissione radiofonica "Mediagol" su Primaradio di Palermo: "Il Cagliari sta esprimendo un buon calcio anche se abbiamo avuto l'handicap di un punto in otto partite prima della sosta di fine anno - spiega - che ci ha complicato molto la classifica. Con l'inizio del 2008 abbiamo un passo interessante". Il nuovo allenatore Ballardini ha dato una scossa soprattutto grazie alla vittoria sul Napoli. "Ballardini sta facendo bene - continua il dirigente cagliaritano - un professionista serio che merita di lavorare a certi livelli così come glia altri nostri allenatori Giampaolo e Sonetti". Un morale alto con cui affrontare la trasferta di Palermo. "La formazione rosanero è uno squadrone - ammette Salerno -. Gli mancherà per squalifica qualche elemento importante, ma i giocatori che scenderanno in campo sarano di qualità. Non dobbiamo assolutamente sottovalutare il Palermo anche se non è in un momento positivo. Vogliamo portare via punti dal Barbera per continuare a coltivare la speranza di salvezza e per arrivare alle ultime cinque partite con lo slancio giusto". Foggia? "E' un talento incredibile - conclude - non è mai stato in discussione. Abbiamo deciso di tenerlo, nonostante le lusinghe del Palermo, e ci tornerà utile insieme all'ex rosanero Jeda che ha i colpi giusti". 




Da cui si evince che Cellino non ha fatto giocare il suo giocatore più pericoloso contro l'Inter senza una effettiva motivazione...
Ah, quale correttezza!




permalink | inviato da Aperouge il 14/2/2008 alle 9:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
calcio
12 febbraio 2008
Catania, ricorso contro l'Inter: Materazzi non poteva giocare
 
 
13:01 del 12 febbraio
 
Pietro Lo Monaco, ad del Catania, ha preannunciato la presentazione di un "reclamo in merito alla posizione, asseritamente irregolare, del calciatore Marco Materazzi". Ne dà notizia la Lega Calcio che, attraverso un comunicato stampa, informa che il giudice sportivo, Gianpaolo Tosel, ha preso atto dell'annunciato reclamo e si riserva "la decisione nel merito alle trasmissioni delle motivazioni". Oggi lo stesso Lo Monaco, alle 14.30, incontrerà i giornalisti per spiegare i motivi del ricorso. Il Catania contesterebbe l'impiego di Materazzi che avrebbe violato alcune norme federali saltando per infortunio l'amichevole che l'Italia ha giocato mercoledì scorso contro il Portogallo, scendendo però in campo domenica scorsa a Catania.


Inter, dove la correttezza è di casa !!!



permalink | inviato da Aperouge il 12/2/2008 alle 14:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
calcio
11 febbraio 2008
Mancini, un signore!!!
Guardatelo, e poi rimpiangete Moggi, Giraudo e Bettega.

http://www.video.mediaset.it/video.html?sito=controcampo&data=2008/02/10&id=320&categoria=mercato&from=email




Opzioni domencali per arbitri:
1- Concedere rigore all'Inter;
2- Convalidare gol in fuorigioco all'Inter;
3- Annullare gol regolare all'avversaria dell'Inter;
4- Non fischiare un rigore agli avversari dell'Inter;
5- Permettere agli Interisti il fallo sistematico a metà campo, sia in attacco che in difesa.

Meglio Onesti che Interisti!!! 



permalink | inviato da Aperouge il 11/2/2008 alle 12:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
calcio
8 febbraio 2008
Per tutti quelli che amano il calcio
E, conseguentemente, non possono amare l'Inter





Indovinate chi è questo signore ?









permalink | inviato da Aperouge il 8/2/2008 alle 14:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte